top of page

Introduzione a «Stati Uniti e Cina allo scontro globale»



Pubblichiamo nella sezione reflex l'«Introduzione» a «Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze», di Raffaele Sciortino, recentemente pubblicato dalla casa editrice Asterios.

L'urto che si profila all'orizzonte tra Stati Uniti e Cina si staglia sullo sfondo di un caos crescente, che il conflitto ucraino rende ancora più drammatico. A più di dieci anni dall'innesco della crisi mondiale la globalizzazione è entrata in una fase critica e con essa il rapporto asimmetrico Usa/Cina che ne è stato fin qui il perno. I nodi vengono al pettine. Da un lato, il capitalismo cinese in ascesa ha in teoria ampi margini di sviluppo – anche se non più nella forma eroica dell'«accumulazione socialista» isolata dal mercato mondiale – ma la coesistenza non conflittuale con l'Occidente imperialista si sta rivelando una strada sempre meno praticabile. Sul fronte opposto, l'egemone mondiale nello svolgere una funzione ordinativa a tutt'oggi indispensabile a scala internazionale – suggellata dal dollaro moneta mondiale – opera un prelievo sempre più oneroso e destabilizzante per il capitalismo nel suo insieme. Nessuno dei due contendenti può rinunciare alla partita. La contraddizione specifica di fase è tra la necessità, speculare e opposta per Cina e Stati Uniti, di conservare la globalizzazione e la spinta a mettere in atto strategie che finiranno per minarla.



* * *



I marxisti, non potendo oggi essere protagonisti della storia,

nulla di meglio possono augurare che la catastrofe, sociale, politica e bellica,

della signoria americana sul mondo capitalistico

Amadeo Bordiga


Il lavoro qui presentato cade in un contesto caratterizzato dal probabile approssimarsi di una nuova recessione economica globale, da una temperatura delle relazioni internazionali divenuta rovente con la guerra in Ucraina e, ancora, dall’intreccio fra crisi dei prezzi alimentari ed energetici e disastro climatico. Mentre all’orizzonte – è il tema del libro – si profila l’urto possente tra Stati Uniti e Cina. È un caos crescente e generalizzato che non si limita alle sfere alte della politica e dell’economia, ma sempre più incide nella vita quotidiana di centinaia di milioni di persone.

Günther Anders ha scritto che la forza di una concezione non sta tanto nelle risposte che dà, quanto nelle domande che soffoca.

Ora, il delinearsi di una nuova qualità della dinamica storica – stante la vera e propria crisi della civiltà capitalistica, palese solo che non ci si faccia abbacinare dallo spettacolo infomediatico – sta facendo (ri)emergere alcuni interrogativi che l’ideologia euforizzante del capitale globale in ascesa ha per decenni soffocato. Non solo fuori dall’Occidente, ma nello stesso mondo occidentale, dove i dilemmi del rapporto tra sé e il resto iniziano ad incrinare la camicia di forza delle ipocrisie postdemocratiche.

Questo libro vuol essere un contributo, attraverso la messa a fuoco del contesto emergente, alle domande che segneranno la nuova geistige situation der zeit. Lo fa riprendendo il filo di quello precedente – I dieci anni che sconvolsero il mondo – nel quale si metteva in prospettiva il decennio seguito allo scoppio della crisi globale per cercare di individuare, nei diversi quadranti geostorici, punti di non ritorno nella dinamica intrecciata del mercato mondiale, degli assetti geopolitici e dei rapporti di classe – in particolare, focalizzando l’emergere del neopopulismo nelle società occidentali a conclusione della parabola discendente del movimento operaio classico e della crisi irreversibile della sinistra. Vi si delineava un inizio, si noti, di disarticolazione del sistema-mondo.

Questa chiave di lettura sistemica viene ora più precisamente definita e messa alla prova applicandola, per così dire, al nesso Stati Uniti/Cina. Che non viene letto a sé come relazione tra grandi potenze, bensì come asse fondamentale degli assemblaggi del capitalismo globale e banco di prova della loro tenuta/crisi. In gioco c’è il tutto del sistema mondiale, non semplicemente due sue componenti, ancorché le principali.

È questo il nodo oggi cruciale per l’evoluzione del capitalismo: la direttrice di scontro frontale tra i due pesi massimi esprime, più in profondità, l’urgenza di una ristrutturazione complessiva del rapporto di capitale, e dunque tra le classi, che al momento si avvita invece in una crisi apparentemente senza vie d’uscita. Un assunto che, appaia plausibile o meno, può essere «posto», cioè pienamente dimostrato, solo alla fine dell’intero ragionamento (à la Hegel). Il lettore troverà comunque nel prologo una sintesi introduttiva del nesso costitutivo tra globalizzazione (riproduzione capitalistica internazionalizzata), egemonia statunitense basata

sull’imperialismo del dollaro, collocazione (asimmetrica) della Cina nella divisione internazionale del lavoro data. Ciò, di nuovo, a evitare i possibili fraintendimenti di una ristretta lettura geopolitica. La lente geopolitica viene ampiamente usata, va da sé, ma sempre nel quadro di una visione d’insieme delle contraddizioni del capitalismo globale, inter-borghesi e di classe, a indicarne i passaggi in cui la crisi della valorizzazione si fa acuta divenendo crisi socio-politica e la competizione inter-capitalistica scontro aperto. Geopolitica, dunque, come economia e politica concentrate allo stadio dell’imperialismo.

Il libro inizia allora con il tentativo di una diagnosi più precisa dello stato generale della globalizzazione. Che risulta attualmente di rallentamento caratterizzato da alcuni importanti smottamenti più che di vera e propria de-globalizzazione (Prima parte: Crisi nella globalizzazione). È l’indice di una accumulazione mondiale sempre più asfittica, ma ancora al di qua di una precipitazione catastrofica. In effetti, però, le linee di faglia delle future rotture sono già evidenti – in primis lo sforzo statunitense di disaccoppiare l’economia cinese dai segmenti alti del mercato mondiale cui Pechino sta cercando di accedere – ed emergeranno prepotentemente a misura che l’economia mondiale entrerà in una nuova, decisa crisi. Ma il ritmo del dis/assemblaggio è dettato da variabili molteplici – in ultima istanza, la dinamica dell’accumulazione mondiale e della lotta di classe – e il passaggio a un più deciso corso di de-globalizzazione non si darà senza una precipitazione economica e, di qui, una crisi geopolitica importante che vedrà coinvolta direttamente la Cina.

Il senso di marcia è dato così dall’andamento e dalle modalità dello scontro sino-americano. Rintracciarne le cause di fondo e le linee potenziali di sviluppo alla luce delle strategie messe in campo e delle contraddizioni oggettive, è il compito delle altre due parti del lavoro. L’intento di fondo non è descrittivo – obiettivo che sarebbe fuori portata per chiunque – così come la sequenza dei temi non è strettamente cronologica. Piuttosto, le due parti hanno focus specifici. Quella dedicata agli Stati Uniti tematizza la crisi sociale e politica interna e la difficoltà di articolare una Grand Strategy all’altezza della fase. La parte dedicata alla Cina ne ricostruisce, in sintesi, il corso storico di ascesa negli aspetti fondamentali: dalla questione agraria alla nuova strategia di sviluppo, dalla lotta di classe all’emergere del ceto medio, dalla proiezione esterna con le Nuove Vie della Seta ai primi passi dell’internazionalizzazione dello yuan, ai fattori di crescente attrito diplomatico-militare con Washington.

In estrema sintesi, il rapporto Stati Uniti/Cina si configura come uno scontro alle prime mosse ma inevitabile. Da un lato abbiamo un capitalismo in ascesa che ha ancora ampi margini di sviluppo quantitativi e qualitativi – anche se non più nella forma eroica dell’«accumulazione socialista» e, dunque, non come un’isola chiusa ma direttamente vincolato al mercato mondiale – e lavora contro le zavorre del passato anche per rimettere in discussione la ripartizione del plusvalore prodotto in loco ma in buona parte appropriato dall’imperialismo. Sul fronte opposto, abbiamo l’egemone mondiale che nello svolgere una funzione ordinativa a tutt’oggi indispensabile a scala internazionale – suggellata dal dominio del dollaro – opera un prelievo sempre più oneroso e destabilizzante per il capitale nel suo insieme e per il corso cinese in particolare. Nessuno dei due contendenti può rinunciare alla partita: Washington perché vi gioca il mantenimento della propria egemonia; Pechino perché la possibilità di completare la transizione a un moderno capitalismo, basato sulla modalità del plusvalore relativo e su un compromesso sociale socialdemocratico, dipende in ultima istanza dallo spazio di manovra sottratto all’imperialismo, pena il rinculo se non la disgregazione stanti i molteplici fattori di criticità interni. Di qui la contraddizione specifica di fase tra la necessità, speculare e opposta, per Cina e Stati Uniti di conservare la globalizzazione e l’urgenza di mettere in atto strategie che finiscono per minarla. La struttura torna a far premio

sulle strategie rendendo l’equazione impossibile. In questo quadro, per entrambi la lotta di classe interna agirà come acceleratore dalle ripercussioni globali, seppure in un contesto assai differente da quello del ciclo di lotte dell’operaio massa in Occidente intrecciato con la sollevazione anticoloniale anti-occidentale.

Ne derivano alcune implicazioni importanti – sintetizzate nel capitolo conclusivo – sulla cui filigrana si articola l’intero libro.

Primo. Allo stato, l’ascesa cinese non è in grado di porre in senso proprio una sfida egemonica, il che postulerebbe non solo il declino secco della potenza statunitense, ma altresì la possibilità-capacità del Dragone di sostituire lo specifico ruolo imperialista ricoperto da Washington alla scala dell’intero circuito capitalistico mondiale, ciò da cui Pechino è ad oggi lontanissima. Nessun secolo cinese è in vista.

Secondo. La Cina ha di fronte a sé una sfida, questa sì, esistenziale: o fa un salto di sviluppo o la pressione imperialista rischia di far saltare il grado di sviluppo acquisito e con esso il compromesso sociale tra le classi e la tenuta dello stesso stato unitario. La classe lavoratrice cinese ha di fronte a sé questo groviglio intricato di fattore di classe e fattore nazionale. Il suo scioglimento dipende in ultima istanza dalla dinamica mondiale della lotta di classe. Ma l’indifferentismo rispetto al problema non può che portare acqua al mulino della crociata anti-cinese.

Terzo. Il nodo di fondo è sistemico: allo stato delle cose, gli Stati Uniti paiono sì in grado di difendere, bene o male, la propria egemonia – o, almeno, il proprio dominio – mondiale, ma a costo di minare gli assi portanti della globalizzazione, uno su tutti: l’intreccio fin qui virtuoso con la Cina. Senza poter prospettare al momento un nuovo ordine economico e geopolitico. Il caos è assicurato: un suo superamento non distruttivo per le classi lavoratrici e la comunità umana tutta è impossibile senza rimettere in discussione la peculiare configurazione dell’attuale imperialismo.

Il che richiederebbe di ri-tematizzarlo, per lo meno, a livello di armi della critica (eresia?!).

Quarto. Ne deriva che la prospettiva di un nuovo ordine multipolare è assai incerta, per non dire del tutto improbabile. Con ciò,la prospettiva multipolarista rappresenta una sorta di riformismo da seguire attentamente, in quanto percorso e posizionamento di forze statali e sociali dialetticamente intrecciate, ma senza farsi illusioni sulla sua consequenzialità e realizzabilità.

Quinto. Una probabile direzione di marcia sembra essere quella di una disarticolazione sistemica che prefigura, è vero, scenari non proprio idillici, ma potrebbe anche aprire in prospettiva a una battaglia mondiale per la transizione a un diverso ordinamento sociale, nel quale la riproduzione della società venga sottratta ai meccanismi della competizione e del profitto. Qualunque sia il corso del sistema internazionale, è in ultima istanza il possente gioco delle forze sociali collettive a determinarne gli esiti: il che rende l’analisi di classe indispensabile. A meno di rassegnarsi al caos distruttivo e alle consolazioni identitarie e monotematiche irrimediabilmente fissate al frammentismo.

Prima di chiudere un’ultimissima considerazione. Inutile girarci intorno: questo libro, per quel tanto (o, piuttosto, poco) che avrà corso, non potrà evitare l’accusa di anti-americanismo. Basta intendersi. Oggi, non si può anche solo desiderare un altro mondo senza essere anche «anti-americani» – intendendo con ciò non solo, in generale, essere contro il regime egemone dell’imperialismo, ma augurar(si) la catastrofe, sociale, politica e bellica, della signoria americana sul mondo capitalistico. Che è anche la conditio sine qua non della liberazione dell’energie delle classi lavoratrici nordamericane. Ad altri lasciamo l’illusione, o peggio, di essere anti-americani (senza virgolette) e non avanzare la minima esigenza di una organizzazione sociale non capitalistica.

Il lettore saprà certamente valutare da sé la validità o meno delle analisi proposte individuandovi anche questioni e temi che l’autore ha, nella migliore delle ipotesi, solo sfiorato– dalla questione tutt’altro che storiografica del modo di produzione asiatico a quella della «transizione» – e, ovviamente, le numerose lacune.

Che siano di auspicio per futuri lavori non più solo individuali.



Immagine: MA Yanling, Gun, live art

bottom of page