Telestreet. Giornale mediattivo




Nel marzo del lontano 2003 DeriveApprodi pubblicò il primo e unico numero del «giornale mediattivo» «Telestreet». Purtroppo si trattò di un fuoco fatuo, come fatuo fu l’agitarsi mediattivo che si era creato attorno al progetto di mettere in rete la sessantina di «televisioni di strada» nate un po’ ovunque in Italia. Erano gli anni della piena affermazione governativa berlusconiana che faceva perno sul suo impero televisivo. Buona parte dei contenuti del giornale furono pensati da Franco Berardi Bifo e dai sopravvissuti di quella fantastica esperienza che fu Radio Alice e il giornale «A/traverso», a partire da Ambrogio Giancarlo Vitali.

Alla realizzazione di «Telestreet» collaborarono in forme diverse: Nanni Balestrini, Federico Beliz, Franco Berardi (Bifo), Sergio Bianchi, Monia Cappuccini, Fiammetta Ghedini, Naomi Klein, Marco Magagnoli, Daniele Ongaro. 
 Graphic design: Andrea Wöhr.


Il pdf del giornale è liberamente scaricabile qui:

Telestreet-n-1
.pdf
Download PDF • 8.20MB



logo-machina-footer.png

© All Rights Reserved. Machina-DeriveApprodi by DeriveApprodi srl. Piazza Regina Margherita 27, 00198 Roma

Credits

Design&Identity: Andrea Wöhr

Product Design: Olworker

Coordinamento editoriale: Giulia Page

Iconografia: Sergio Bianchi, Roberto Gelini

Web master: Massimo Di Felice