top of page

«Memoria del futuro. Cile 2019-2022» - Intervista a Pierre Dardot



Pubblichiamo un'intervista di Mediapart a Pierre Dardot, a partire dal suo ultimo saggio Memoria del futuro. Chile 2019-2023, in cui il filosofo francese ragiona sugli ultimi accadimenti nel paese sudamericano in seguito alle mobilitazioni iniziate nel 2019.

Traduzione in italiano a cura di Davide Blotta.


* * *


Il fallimento del processo di modifica costituzionale in Cile ha lasciato un sapore amaro. Dopo la rivolta dell'ottobre 2019, e l'elezione del presidente di sinistra Gabriel Boric vi è stato un paziente lavoro della Convenzione Costituzionale tale da rendere la Magna Carta la più democratica e avanzata di sempre.

Tuttavia, la sua bocciatura, con il 62% dei voti espressi il 4 settembre 2022, è stata un duro colpo per l'uscita dal sistema neoliberale, mantenuto dalla fine della dittatura di Pinochet.

Nel suo saggio, Memoria del futuro. Chile 2019-2022 (Lux, 2023), il filosofo Pierre Dardot analizza con rigore le ragioni di questo fiasco, dagli errori della Convenzione stessa al peso dell'«esperienza neoliberale», senza dimenticare la «sconfitta politica» del governo la cui «unica virtù è stata di aver protetto lo spazio della Convenzione con la sua esistenza».

Concentrandosi su tre componenti dell'esplosione sociale, il movimento mapuche, il movimento studentesco e il movimento femminista, Pierre Dardot, esperto del neoliberismo e coautore con il sociologo Christian Laval di diversi libri di riferimento (da ultimo Dominer - Enquête sur la souveraineté de l'État en Occident, La Découverte; trad. Dominare: Inchiesta sulla sovranità dello Stato in Occidente), mostra come, in una società segnata dal neoliberismo e dalla debolezza strutturale delle organizzazioni del movimento operaio, una politica emancipatrice sia ancora possibile.

Sebbene siano stati richiamati i simboli dell'Unità Popolare, l'ottobre cileno è stato tutt'altro che una prova generale. «È l'irruzione del nuovo che retrospettivamente dà senso al passato portando alla luce la continuità di una politica», scrive Pierre Dardot. Pertanto, ben oltre i confini cileni, le lezioni della rivolta sono preziose per la sinistra. Nel frattempo, in Cile, un comitato di esperti dovrà redigere una nuova costituzione entro la fine dell'anno. Un progetto ben distante dall’esperienza democratica radicale dell’anno scorso…spiega il filosofo.


L'esperienza cilena dal 2019 al 2022 ha suscitato immense speranze, vanificate dal rifiuto della nuova Costituzione nel referendum del 4 settembre 2022. Il Cile è uscito trasformato da questa fase?


Sì, senza dubbio. È successo qualcosa di irreversibile nella riconfigurazione dei rapporti all'interno della cosiddetta sinistra «inorganica». Sebbene la sinistra parlamentare tendesse a denigrarla attribuendole il rifiuto di organizzarsi, in realtà il termine non significa che questa fosse tale, ma insufficientemente articolata tra le organizzazioni.

Infatti, anche se i movimenti sociali hanno rallentato dopo il fallimento del 4 settembre, rimane qualcosa che non può essere perso, come dimostra l'energia del movimento delle donne nell'organizzare lo sciopero generale dell'8 marzo. La capacità collettiva di auto-rappresentarsi, di rifiutare la delega di potere o la rappresentanza da parte di un partito politico rimane una conquista. Questa capacità maturerà, si rinnoverà, ma è troppo profonda per scomparire.

Sono stato in Cile all'inizio di novembre 2019 e sono stato trasportato da questo movimento, dal suo dinamismo, dalla gioia di stare insieme che si percepiva nelle manifestazioni. Una delle lezioni che possiamo trarre da questo processo è che la frattura tra movimenti sociali e partiti politici non è mai una buona cosa. La nuova sinistra parlamentare emersa dal movimento studentesco del 2011 in Cile è responsabile dell'attuale impasse.

Non possiamo accontentarci di una tacita divisione del lavoro tra questa sinistra, che si è limitata alle istituzioni dello Stato, e i movimenti sociali che hanno lottato per nuovi diritti. Questa divisione è sempre dannosa.


Nelle manifestazioni sono riemersi riferimenti all'Unità Popolare: il volto di Allende, dell'attivista comunista Gladys Marín, le canzoni di Victor Jara... Ma lei spiega che non c'era nulla di nostalgico in questi simboli e che questo movimento non aveva niente a che fare con una ripetizione.


Questo è il senso del titolo del mio libro, «la memoria del futuro», un'espressione che ho preso in prestito da Karina Nohales, una delle portavoce della Coordinadora 8M [un'organizzazione femminista cilena ndr], che va contro la tendenza a feticizzare la storia di Unità Popolare. Ciò che è importante, ad esempio nel riferimento ad Allende, non è il passato che riemerge, ma l'irruzione del nuovo nel presente dell'azione collettiva, che porta a riconsiderare il passato alla luce dei compiti che ci attendono.

Il movimento femminista ha espresso questa idea con una bella formula nella sintesi del «Quinto incontro plurinazionale delle donne e dei dissidenti in lotta»: «Per quelli di ieri, siamo oggi, e per quelli di oggi, continueremo a essere domani» (Por las de ayer somos hoy y por las de hoy, seguiremos siendo mañana ndr). A mio avviso, questa formula condensa un nuovo rapporto tra azione collettiva e tempo.


Ciò che colpisce nella sua analisi dei movimenti femminista, studentesco e mapuche, e che contrasta con ieri, è l'assenza dei partiti politici dalla rivolta. È un effetto dell'esperienza neoliberale?


Sì, e questo è dovuto al ruolo storico che questi partiti hanno avuto dalla fine della dittatura. L'esplosione sociale cilena è una sfida al sistema instaurato dalla Concertación [una coalizione post-dittatura composta dal Partito Democratico Cristiano, dal Partito Socialista e dal Partito per la Democrazia ndr], che ha portato alla nascita di una nuova classe dirigente.

Il ruolo della Concertación durante il movimento studentesco del 2006 contro una legge che delegava la responsabilità dell'istruzione a imprese private è stato accolto molto male. Dopo le storiche manifestazioni, la Concertazione si limitò a rinominare la legge per celebrarla con una cerimonia «per alzata di mano» accuratamente orchestrata per dare l'illusione di un accordo con gli studenti.

Tra il 2006 e il movimento studentesco del 2011, si è verificata una trasformazione nel modo in cui gli attori dei movimenti sociali considerano i partiti politici. Per la grande maggioranza dei manifestanti del 2019, i partiti non dovevano più esercitare la loro dannosa influenza. Non si trattava di bandire i partiti, ma di sfidare la loro pretesa di monopolio dell'attività politica, affermando che l'attività dei movimenti indipendenti dai partiti era pienamente politica.


Il presidente eletto nel 2021, Gabriel Boric, era un leader studentesco durante il movimento del 2011 ed è stato poi eletto deputato del partito Sinistra Autonoma (AL) insieme ad altri compagni. Incarnava l'idea che i movimenti sociali potessero cambiare il campo politico. Eppure, ha deluso. Perché?


A metà degli anni 2010 c'era un dibattito molto forte all'interno della Sinistra Autonoma. C'era una profonda divergenza tra i sostenitori del movimento-partito, come Francisco Figueroa, e i sostenitori del populismo di stampo spagnolo, ispirato a Podemos, come Gabriel Boric o il giovane sindaco di Valparaíso, Jorge Sharp. Boric era molto influenzato dalla teoria di Ernesto Laclau, voleva unificare richieste popolari eterogenee scommettendo sull'identificazione del popolo con un leader. Concepiva quindi il partito come una macchina elettorale che tendeva alla conquista del potere.

Ma Boric si è evoluto dopo la vittoria del «rechazo» (rifiuto) del 4 settembre 2022. Ora dice che la Costituzione non dovrebbe avallare e sancire le richieste sociali, che sarebbero un fattore di divisione. Secondo lui, la Costituzione deve essere «molto generale». Questa svalutazione delle rivendicazioni sociali va ancora oltre l'accordo del 15 novembre 2019 per la «pace sociale», che aveva firmato e per il quale era stato sospeso dal suo status di militante dal suo partito, Convergenza sociale.

In Cile abbiamo riscontrato lo stesso problema di Syriza in Grecia: la sinistra parlamentare si blocca molto facilmente in un dialogo con la destra dal quale esce automaticamente sconfitta.

Dal 2017, infatti, lui e altri esponenti del movimento studentesco tendono a ridurre i movimenti sociali a un ruolo di sostegno a determinate posizioni in parlamento. Come scrive il politologo Luis Thielemann: «Le masse in lotta hanno cominciato a essere percepite come un pubblico che appoggiava o rifiutava la politica, ma non l'ha mai decisa o determinat».

Diventati politici di professione, i Boric e i Jackson [Giorgio Jackson, ex leader studentesco del 2011, diventato ministro nel governo Boric ndr] hanno infine dimenticato a chi dovevano la propria esistenza. L'orizzonte di questa sinistra si è infine ristretto alle relazioni interpartitiche nell'arena parlamentare. Hanno perso di vista la possibilità per i movimenti sociali di svolgere un ruolo autonomo, il che non ha fatto altro che accentuare il divario tra loro e i partiti.


È stato questo uno dei motivi per cui il testo emerso dai lavori dell'Assemblea Costituente non è stato approvato? Era considerato troppo influenzato dai movimenti sociali perché il governo potesse rischiare di appoggiarlo completamente?


In parte. I disaccordi tra il governo, i partiti della nuova sinistra parlamentare e i movimenti sociali non hanno permesso una campagna strategicamente unitaria. Tuttavia, non si può dire che se ci fosse stata questa unità, il «sì» avrebbe vinto.

Il divario sarebbe stato certamente molto più vicino, come molti a sinistra si aspettavano.

Tuttavia, anche se vedo che in Cile Boric è odiato da una parte del movimento sociale, non credo che debba essere ritenuto l'unico responsabile del rechazo. Abbiamo semplicemente riscontrato lo stesso problema di Syriza in Grecia: la sinistra parlamentare si blocca molto facilmente in un dialogo con la destra, dal quale ne esce automaticamente sconfitta.

Quindi dobbiamo guardare le cose in modo diverso, cercare di cambiare i rapporti di forza affidandoci ai movimenti sociali invece di chiedere il loro sostegno elettorale quando le cose vanno male. D'ora in poi, mentre al momento della sua elezione appariva come un giovane presidente che rompeva con la politica della Concertazione, Boric sembra seguire le sue orme.


Nel suo libro, lei risponde allo storico cileno Gabriel Salazar, ex militante del Movimento della Sinistra Rivoluzionaria (MIR), che si è mostrato fin dall'inizio molto scettico nei confronti di Boric, e che ha una concezione massimalista della Costituente, come se dovesse necessariamente seguire ad un rovesciamento dell'ordine stabilito. Perché questa soluzione non la convince?


Per me fa parte di una mitologia vecchia e molto datata, quella della costituente sovrana che, per il solo fatto di esistere, rovescia il governo costituito. Mi è sempre sembrato politicamente sterile. Io distinguo tra una costituente sovrana (al di sopra di ogni potere) e una costituente libera (non limitata da regole a priori).

Come è emerso dagli accordi del 15 novembre, i poteri della Costituente cilena erano limitati dalla Costituzione del 1980. Condanno queste limitazioni, ma non mi importava che coesistesse con un governo che procedeva dalla vecchia Costituzione. Il problema era cosa ne sarebbe venuto fuori.

L'Assemblea Costituente si è anche liberata dalla logica rigida degli accordi del 15 novembre. Per me, il progetto di Costituzione è una pietra miliare nella storia del costituzionalismo cileno. Era molto promettente e avrebbe potuto aiutare tutta la sinistra, non solo in America Latina ma anche in Francia.


Nella postfazione dell'edizione spagnola del suo libro, di prossima pubblicazione, lei descrive il nuovo processo costituzionale in Cile come una «parodia». In effetti sembra molto meno democratico. È un ritorno del «concertismo» ai suoi occhi?


In effetti, è molto importante. Inizialmente, quando Boric ha preso atto del rechazo, non era favorevole al «Congresso costituente» (che riunisce senatori e deputati) richiesto dalla destra. Il mandato del referendum del 25 ottobre 2020 prevedeva che una costituente eletta direttamente lavorasse a un nuovo testo. Ma la destra, che ha la maggioranza in Parlamento, ha esercitato una pressione terribile e le sue posizioni hanno prevalso.

Il valore dell'esperienza cilena è che si è basata su una reinvenzione radicale della democrazia. Non in nome del populismo, non in nome del neoliberismo, ma in favore di una reinvenzione della democrazia.

Non si parla più di Congresso costituente, ma di tre organi: una commissione di esperti nominata dai senatori e dai deputati, una commissione tecnica di ammissibilità nominata dai senatori e infine un Consiglio costituzionale che si insedierà in aprile-maggio, unico organo eletto, che avrà il compito di scrivere la nuova Costituzione.

Il predominio dei partiti è così ampiamente stabilito, secondo la più pura logica del concertismo. I cittadini non hanno alcun ruolo nel processo: saranno coinvolti solo al momento della ratifica. Questo è deplorevole, dopo tutto quello che è successo.


La precedente Costituzione era forse troppo avanti rispetto al resto della società, ma la nuova rischia di rappresentare una classe politica scollegata. In queste condizioni, il prossimo testo potrebbe essere a sua volta respinto?


Sì, un «rifiuto di sinistra» è possibile. Tutto è molto incerto. Il fatto più rilevante è la morsa della burocrazia parlamentare sull'intero processo. Il testo non sarà redatto sotto la pressione dei movimenti sociali, e questa è una differenza enorme.


Quest'estate Jean-Luc Mélenchon, che ha un tropismo per l'America Latina, si è recato in Messico, Honduras e Colombia, dove sono al potere anche governi di sinistra. Perché non presta maggiore attenzione all'esperienza cilena?


L'esperienza cilena è stata strumentalizzata da alcuni membri de La France Insoumise (LFI), che hanno tradotto il discorso di apertura della presidente della Convenzione costituzionale, Elisa Loncón. La loro idea era che questo processo potesse alimentare la campagna per la Sesta Repubblica. Tuttavia, il discorso di Elisa Loncón era l'antitesi del discorso della «Repubblica una e indivisibile» portato avanti in Cile dalla destra. Lo Stato-nazione è stato messo direttamente in discussione dall'Assemblea Costituente in nome del riconoscimento dei diritti collettivi dei popoli indigeni.

C'è stato quindi un equivoco, perché in Cile la volontà era quella di rompere con la continuità della storia nazionale. C'era la consapevolezza che era necessario andare oltre ciò che aveva sempre dominato: la finzione dello Stato-nazione che condannava i popoli indigeni al silenzio. I membri dell'Assemblea Costituente hanno dimostrato un coraggio salutare, nonostante il rifiuto finale. Questa è una lezione fondamentale.

Per quanto riguarda Mélenchon, c'è una logica politica in questo disinteresse. Se si riferisce volentieri ad Andrés Manuel López Obrador, il presidente del Messico, è perché quest'ultimo incarna una variante del populismo autoritario, quella della «democrazia egemonica» (Alain Rouquié), che intende modificare la struttura dello Stato in senso autoritario.

In Francia dobbiamo essere chiari su questo punto. Il valore dell'esperienza cilena è che si è basata su una reinvenzione radicale della democrazia. Non in nome del populismo, non in nome del neoliberismo, ma in favore di una reinvenzione della democrazia. Questa ispirazione deve valere sia per i movimenti sociali che per i partiti e il rapporto del governo con i propri cittadini.

È alla luce di questa visione democratica radicale che dobbiamo reinventare il posto dei movimenti sociali e il ruolo dei partiti in Francia. Se riusciremo a farlo, avremo imparato la lezione dell'esperienza cilena a nostra misura e per i nostri scopi.


* * *


Mediapart è una rivista online indipendente francese.


Pierre Dardot filosofo e docente, è autore, spesso insieme al collega Christian Laval, di saggi su Marx, Hegel e il capitalismo globale. Ha pubblicato per DeriveApprodi, insieme a Christian Laval: La nuova ragione del mondo (2013), Del comune o della rivoluzione nel XXI secolo (2015), Guerra alla democrazia (2016), Il potere ai soviet (2017)



コメント


bottom of page