Thu, Sep 03 | Online

Machina Summer School

Con il progetto della rivista online Machina stiamo lanciando molteplici scommesse. Tra queste anche quella di incentivare un processo di «formazione politica»: ecco la nostra prima «scuola estiva».
La registrazione è stata chiusa

Orario & Sede

Sep 03, 2020, 11:00 AM – Sep 06, 2020, 9:00 PM
Online

L'evento

Con il progetto della rivista online Machina stiamo lanciando molteplici scommesse. Tra queste anche quella di incentivare un processo di «formazione politica»: ecco la nostra prima «scuola estiva».

Formazione significa, al contempo, trasmettere e produrre conoscenza, ripercorrere le vecchie rotte per orientare nuove bussole, capire da dove veniamo per immaginare dove possiamo andare. In questo momento di caotica e dura crisi, abbiamo più che mai bisogno di volgere le spalle al futuro per ripensare adeguatamente il presente. Di fronte al caos della contemporaneità, infatti, non ci servono inutili dogmi ma tanta formazione critica per una efficace capacità di ricerca collettiva. Ognuno dei temi proposti nella summer school verranno sviluppati secondo uno dei tre seguenti «formati»: il corso in più giorni; la tavola rotonda; la singola lezione. I momenti di discussione e approfondimento verranno tenuti da figure qualificate per la loro conoscenza, esperienza e capacità dimostrata sul tema proposto. La scuola estiva di Machina sarà online per due motivi. Uno di ordine pratico: nell’impossibilità di trovarci in presenza, affermiamo che il pensiero critico non va in quarantena. L’altro motivo è la necessità di sperimentare una forma che, pur consapevoli delle ambiguità che porta con sé, rappresenta una tendenza con cui fare i conti. Per utilizzare lo strumento online e non esserne meramente utilizzati.

La registrazione è stata chiusa

Condividi questo evento

logo-machina-footer.png

© All Rights Reserved. Machina-DeriveApprodi by DeriveApprodi srl. Piazza Regina Margherita 27, 00198 Roma

Credits

Design&Identity: Andrea Wöhr

Product Design: Olworker

Coordinamento editoriale: Giulia Page

Iconografia: Sergio Bianchi, Roberto Gelini

Web master: Massimo Di Felice