top of page


Una poesia di Viola Amarelli.


* * *


Oggi morti, russucraini, yemenite,


vecchi mongoli, bambini darfouriani,


giovani curde, coccinelle, echinodermi,


calamari giganti, pecore stanche,


zecche, pulci esangui, zanzare martoriate


vacche sconsacrate, cornacchie,


corvi irlandesi, avvoltoi montuosi,


coyote deserti.


Oggi quanti, incalcolabili ad aggiungere


termiti, vespe, formiche e ogni minuta


larva forma di vita.


Incalcolabili


diciamo, giustamente anche.


Così il mondo va avanti.


* * *


Viola Amarelli, campana, ha pubblicato, tra l’altro, il poemetto Notizie dalla Pizia (Lietocolle, 2009), le raccolte di poesie: Le nudecrudecose e altre faccende (L’arcolaio, 2011), L’ambasciatrice (autoprodotta, 2015), Il cadavere felice (Sartoria Utopia, 2017) e L’indifferenziata (Seri Editore, 2020), i racconti di Cartografie (Zona, 2013) e di Singoli plurali (Terra d’ulivi, 2016). Suoi testi e interventi critici sono presenti in numerose antologie, riviste cartacee e on line, e sono stati tradotti in tedesco e spagnolo.


Commentaires


bottom of page